Don Bosco

 

Giovannino Bosco nacque il 16 agosto 1815 ai Becchi, una fraziono di Castclnuovo d'Asti. Il padre si chiamava, Francesco, e la madre Margherita Occhiena. Rimase orfano di padre all'età di due anni e cioè nel 1817 Il fratello maggiore, Antonio non gli voleva molto bene, perché non gli era vero fratello, Margherita, infatti si era sposata due volte. Il suo vero fratello era Giuseppe che lo amava molto.

 

A nove anni Giovannino fece un sogno, che ebbe una grande importanza nella sua vita, infatti è questo sogno che traccia la sua missione. Gli parve di vedere un personaggio dall'aspetto maestoso che gli veniva incontro nel momento in cui Giovanni stava sferrando pugni e calci a dei ragazzi che bestemmiavano. Questo personaggio gli disse: "Non con le percosse, ma con la mansuetudine guadagnerai questi tuoi amici. Confuso e sbalordito, Giovannino supplicava tra i singhiozzi: "Come posso fare? Io sono un povero ignorante." "Ecco la tua Maestra", disse l'Uomo rivolto ad una nobile Signora apparsa al suo fianco. La nobile Signora che era la Madonna, gli disse: "Renditi umile, forte, robusto, e guadagnerai molte anime al cielo."

L'indomani Giovannino, raccontò il sogno che lo aveva grandemente, impressionato. La mamma così interpretò il sogno: "Forse un giorno diventerai sacerdote".

Giovannino continuò la sua vita ai Becchi. La mamma lo preparava con cura alla prima Comunione. S'accresceva sempre più in lui il desiderio di farsi sacerdote, per attirare tanti ragazzi sulla via del bene.

 

Per questo faceva divertire i suoi compagni facondo il gicoliere, poi insegnava loro il catechismo. Prendersi cura dei ragazzi era la sua passione.

Sulla strada Buttigliera ‑Becchi,la Provvidenza gli venne incontro facendogli incontrare Don Calosso, un sacerdote buono e comprensivo che si impegnò ad insegnargli il latino.

Antonio diventava però sempre più insofferente del fatto che Giovanni dovesse studiare e a lui toccava arare i campi. La cosa si spinse a tal punto che Mamma Margherita, fu costretta ad allontanare Giovanni da casa se voleva continuare a farlo studiare. Fu accolto in casa di una buona famiglia conoscente. Era la famiglia Moglia; in cambio dell'ospitalità chiedeva a Giovanni piccoli servizi.

Quando sembrava aver raggiunto un po' di serenità, ecco profilarsi altre difficoltà: muore il suo grande maestro Don Calosso. Don Calosso, prima di morire gli lascia la chiave della cassaforte, ma Giovanni la consegna ai familiari e non vuole approfittare di una tale occasione perché pensa: "Non voglio andare all'inferno per quattro soldi."

 

Per poter continuare a studiare deve fare ogni giorno 16 Chilometri a piedi.

Fu durante questo periodo che, fondò la società dell'allegria. Giovanni aveva disposto che per appartenere a questa società bisognava essere sempre allegri, ma scopo principale, era di conquistare al bene i propri compagni.

Terminati gli studi Giovanni deve prendere una decisione: e confida a sua madre di volersi fare... francescano...

Ma la madre gli consiglia di parlarne con Don Cafasso.

"No, frate no", dice don Cafasso. "Finìsci prima gli studi superiori e poi se ne parlerà. Entra intanto nel seminario di Chieri, alle spese penserò io."

 

Don Cafasso sostenne Giovanni agli studi del seminario. Nel seminario stringe amicizia con un giovane ebreo e lo converte. Viene battezzato e prende il nome di Pietro.

Il 25 ottobre 1835 Giovanni Bosco può finalmente vestire, l'abito di Chierico. Veste finalmente la talare dopo tanti sacrifici e umiliazioni. Durante l'estate ritorna a casa e qui impara il mestiere di sarto, falogname, calzolaio.

Il ritorno al seminario gli riservava però un grande dolore: la morte del suo più grande amico: Luigi Comollo. Siano nel 1839. Si avvicinano intanto gli ultimi esami.

Il 5 giugno 1841, finalmente diventa Sacerdote.

Nel Santuario della Consolata, a Torino Celebra la sua prima messa.

Lo stesso giorno della sua ordinazione Mamma Margherita chiamatolo in disparte gli dice: "Ricordati che cominciare a dir Messa significa cominciare a soffrire. Pensa ad essere solo un santo sacerdote di Cristo, non preoccuparti di me; sono nata povera, sono vissuta povera, voglio morire povera. Pensa solo alla salvezza delle anime."

Don Bosco cosi risponde alla mamma: "Mamma, le raccomandazioni che oggi mi fai le ho scelte come programma della mia vita. Ho detto a Dio: Dammi le anime e toglimi tutto il resto".

A Torino D. Bosco inizia la sua missione. Aiuta Don Cafasso, - il prete della forca ‑ così lo chiamavano, nel suo compito di assistere i condannati a morte.

Don Bosco assiste amareggiato alla condanna a morte di tanti giovani e si ripromette di prevenire i disastrosi effetti che portano tanti giovani alla rovina.

 

L'8 dicembre 1841, Don Bosco si preparava a celebrare la messa dell'Immacolata, quando si incontra con il giovane Bartolomeo Garelli, orfano di padre e di madre e del tutto ignorante nella religione. con B. Garelli recita un'Ave Maria e si può dire che con questa preghiera inizia la sua missione.

 

Intanto si prodiga per le orfane dell'istituto della Marchesa di Barolo.

Questa però, quando si accorge che D. Bosco si interessa dei ragazzi, lo invita a scegliere: o i ragazzi o l'assistenza delle orfano. Don bosco non esita; sceglie la via più dura dei giovani abbandonati ma è costretto a lasciare la sicurezza per la via dura dell'imprevisto.

C'è la Madonna però a confortare D. Bosco in sogno: "C'è un prato in Valdocco, dove i martiri di Torino, Avventore e Ottavio hanno subito il martirio. E' là che devi condurre i tuoi ragazzi. E mostrandogli la Chiesa che proprio in quel posto avrebbe dovuto costruire, gli dice: Questa è la mia casa, di qui la mia Gloria.

In questo periodo "Navigò in un mare di guai"

 

Inizia il lungo peregrinare di D. Bosco; non mancano gli episodi sìgnificatìvi.

Incontrando il piccolo Michele Rua gli dice: "Noi due faremo a metà." Infatti D. Rua diventerà il successore di D. Bosco.

I giovani cho fanno riferimento a Don Bosco, perché mancano di qualcuno che si prenda cura di loro, sono sempre di più. Diventano quattrocento e poi seicento. E questo è il tormento di D. Bosco: dove metterli, perchè dovunque si rechino so­n cacciati. Eccoli perciò girare insieme per le strade di Torino cantando e al suono del tamburo... finché un giorno lo stesso ministro Cavour... manda a chiamare D. Bosco e lo invita i non girare più per le vie di Torino... altrimenti gli avrebbe mandato dietro i gendarmi. E così avvenne! A tenere l'ordine dìetro ai giovani c'erano i gendarmi.

 

 

Un giorno Don Bosco sì incontra con un contadino che gli propone la vendita di un podere. E' il Signor Pinardi. Don Bosco vi si reca e... meraviglia! Trova nel podere la tettoia vista in un sogno! Non esita un momento. Ha trovato finalmente la sua dimora, ma soprattutto quella dei suoi giovani. Quella indicatagli dalla Madonna. C'è la prima sede dell'oratorio di D. Bosco.

 

I. ragazzi riparano la loro "casa" e quando è 'pronta' invitano il Vescovo di Torino. Contento di staro in mezzo ai ragazzi il Vescovo fece loro qualche domanda di catechismo. ‑Chi ha fatto tutto dal nulla? ‑ ed un ragazzo: "Don Bosco!"

L'entusiasmo dei ragazzi non bastava però a nutrirli... Perciò per prendersi cura di loro venne nella casa Pinardi anche Mamma Margherita.

La casa è povera, ma non rifiuta ospitalità a nessuno, anche se a volte non è meritata; come accadde a dei giovani che, ospitati per la notte, fuggirono Portandosi via anche le coperte. Don Bosco non si scoraggia. E per farsi sempre più amici i giovani, si fa radere la barba da mani non certo esperte!

 

2 Febbraìo 1851. Alcuni giovani decidono di seguire Don Bosco per aiutarlo nell'assistenza degli altri giovani.

Carlo Buzzetti, Carlo Gastini, Felice Reviglio, Giacomo Bellia.

Nell'oratorio succedono fatti meravigliosi: si moltiplicano le ostie e le castagne. per mano di Don Bosco. Ma egli dice: "E' stata la, Madonna che ci vuol bene".

 

Don Bosco cercò anche di dare ai giovani una casa più accogliente. Ma il diavolo il 22 agosto 1856 sfogò la sua ira facendo crollare un edificio in costruzione che gli era costato enormi sacrifici. "E' stato un brutto scherzo del demonio. Ma con laiuto di Dio e di Maria, ricostruiremo tutto". Furono queste le parole di Don Bosco che misero tranquillità negli animi turbati.

Si può ben dire che Don Bosco è l'apostolo nuovo per i tempi nuovi.

 

Torniamo‑alla vita di Don Bosco così piena di avventure,

Una volta fu chiamato al capezzale di un moribondo. Ma era un inganno. Spenta la luce, tentarono di assalirlo. Don Bosco si salvò difendendosí con una sedia.

 

A difenderlo spesso compariva un cane. Si chiamò Grigio perché era grosso e aveva il pelo grigio.

Nel luglio 1854 a Torino scoppia il colera. Don Bosco invita i suoi ragazzi a portare aiuto ai malati e, nessuno proprio nessuno, fu contagiato. Perchè portavano al collo la Medaglia, della Madonna, di cui avevano chiesto la protezione.

 

Alla morte di D. Bosco successe, quale superioro Maggiore della Congregazione da lui fondata,Don Michele Rua. Quosti celebrò la sua prima messa il 30.6.1860.

 

Che tipo di Congregazione è quella di Don Bosco? Chi sono i Salesiani?

Consigli preziosi su come doveva essere la Congregazione vennero a D. Dosco dal Ministro Rattazzi, che gli disse: "Fondi una Congregaziono che continui la. sua opera. Faccia in modo che i suoi appartenenti siano religiosi di fronte alla Chiesa e cittadini di fronte allo Stato. E cosi fece don Bosco.

Il suo progetto di fondare una congregazione venne accettato dal Papa Pio IX.

Dal 26 gennaio 1854 i seguaci di Don Bosco furono chiamati Salesiani.

Perché proprio "Salesiani"? Porché Don Bosco volle come esempio e come protettore dei suoi figli S. Francesco di Sales.

 

Nel 1864 fu iniziata la costruzione del tempio di Maria Ausiliatrice, precisamente in marzo.

E Don Bosco iniziò con la folle smma di 8 soldi... Una miseria!

La Basilica fu consacrata il 9 giugno 1868.

Ma il monumento vivente a Maria Ausiliatrice sono le Figlie di Maria Ausiliatrice!

La loro Congregaziono fu fondata nel 1872.

 

D. Bosco scrisse anche opere su svariati argomenti. Tra le principali ricordiamo "Le Letture Cattoliche", "La Storia Sacra" "La Storia d'Italian" "La Storia dei Papi".

Lavorava instancabilmente, e a chi lo invitava a riposarsi rispondeva: "Ci riposeremo in Paradiso."

 

 

L'amore per la Chiusa lo spinse a mandare i suoi figli nelle terre lontane perché tutti potessero conoscere il Vangelo.

L'11 novembre 1875 partirono i primi Mssionari salesiani per l'Argentina.

Nel momento del saluto Don Bosco fece questa raccomandazione: "Cercate le anime non denari, nè onori, nè dignità. Prendete cura speciale dei giovani.

 

Molte persone volevano seguire Don Bosco pur continuando il loro lavoro e rimanendo nella propria famiglia, percìò Don Bosco istitui ì "Cooperatori Salesianil" che sono laici inpegnati secondo lo spirito di Don Bosco. Per loro fondò la rivista "Il Bollettino Salesianol".

Anche molti adulti volevano farsi preti o seguire Don Bosco. per loro organizzò scuole speciali.

 

Per poter portare avanti le opere ha bisogno di denaro e si umilia perciò a chiederlo andando anche fuori d'Italia; in Francia e in Spagna.

Ai suoi già gravosi impegni, si aggiunge la costruzione della Basilica del Sacro Cuore che sorge presso la stazione Termini di Roma. Questo impegno gli fu dato direttamente dal Papa Leone XIII.

Nonostante ciò gli costasse gravi sacrifici Don Bosco risponde al Papa: "Il desiderio del Papa per me è un comando".

 

Spesso Don Bosco, ormai anziano si commuoveva durante la celehrazione della Mossa e a Roma, nella Basilica del Sacro Cuore fu visto piangere. A chi gli domandava perché piangesse rispose: "Ho ricordato le parole del Sogno:"Asuo tempo tutto comprenderai! Mi sembra di aver compreso veramente tutto".

Ormai logoro di forze, sfinito dalla fatica, si avvicina all'ultimo passo:"Dite ai miei giovani che li aspetto tutti in Paradiso". Era il 31 gonnaio 1888.

La sua salma fu condotta nella tomba di Valsalice. La sua presenza era sempre viva.

Pio IX lo dichiarò "Beato", cioé modello ed esempio per tutti e già nel numero di coloro che vedono Dio. In questa circostanza la sua salma fu portata a Torino.

 

 

Oggi le veci di Don Bosco le fa il Rettor Maggiore dei. salesiani, il Signor Don Edmundo Juan Vecchi. Egli risiede a Roma.

Suo compito è di mantenere vive le Parole.di don Bosco, i suoi consigli. Ai giovani spesso ripeteva: prima di addormentarvi dite sempre tre Avemaria alla Madonna.

Questo ci ricorda ancora oggi il Rettor Maggiore.

 

'Il 31, o meglio l'ultinio giorno di ogni mese si fa la Commemoraziono di Don Bosco. E se un giorno era stato considerato pazzo perché aveva detto che le sue opere avrebbero avuto un grande sviluppo, oggi la realtà lo afferma. I giovani gli cantano: "Don Bosco ritorna:tra ì giovani ancora".

 

L'oratorio continua con la stessa fìnalità per cui l'ha creato don Bosco: divertire i ragazzi e insegnare il catechismo. Il suo metodo educativo si chiama "Sistema Preventivo".

 

Amiamo Don Bosco!!!  

 

Eventi

loading eventi

News ANS

Vaticano – La Chiesa per l’Amazzonia, l’Amazzonia per la Chiesa

(ANS – Città del Vaticano) – Nei giorni 12-13 aprile 2018 si è tenuta la ... leggi tutto

Messico – “Don Bosco è sempre vivo”: prima giornata della visita del Rettor Maggiore

(ANS – Guadalajara) – La prima giornata del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández ... leggi tutto

Marocco – “Ora comprendo Don Bosco!”. Docenti musulmani in visita ai Luoghi Salesiani

(ANS – Kenitra) – L’opera salesiana di Kenitra, attiva in Marocco dal 1937, ha organizzato ... leggi tutto

Newsletter

Mantieniti aggiornato, ricevi le nostre news